21Novembre2017

Sei qui: Home Amore e Psiche Litigare fa bene?

Litigare fa bene?

Dipinto di Marc Chagall
Add attachment

L’amore non è bello se non è litigarello, recita un vecchio detto, ma quando, davvero, una lite fa bene alla coppia? E quando invece, rappresenta il tramonto di un amore ormai logoro?
Si sa, la relazione con un altro diverso da noi, è spesso difficile, soprattutto quando in gioco ci sono un uomo e una donna con i loro mondi diversi, il loro modo di pensare… e poi, come diceva Jung, dietro due persone che sono in relazione tra loro, in realtà se ne nascondono quattro, ovvero gli individui più il loro rispettivo inconscio… e allora, se questo è vero, ci sono da aspettarsi scintille, poiché non sempre si è consapevoli di quella parte nascosta di sé…
Certe coppie ci sono grazie ai loro litigi continui, è il loro modo di esistere, la loro modalità di relazionarsi, di comunicare, sono coppie in costante conflitto, e qualsiasi pretesto è buono per “attaccarsi” e avere da ridire… 
Dietro questo tipo di coppia si nascondono frustrazioni e insoddisfazioni personali, l’altro serve per sfogarsi e quando ci si lascia, spesso, ci si sente in colpa, senza rendersi conto di salvare se stessi e l’altro da una guerra che può durare anche tutta la vita. Solo se si riesce a essere empatici e a capire come si sente il proprio compagno, la relazione può avere un lieto fine.
Poi ci sono coppie che non litigano, per quieto vivere, per pigrizia, o peggio per indifferenza. Si vive insieme, come se niente fosse e si viene così a creare una situazione di pace e serenità apparente. In realtà i due esprimono la loro aggressività e tutto il loro rancore in  contesti diversi dal bisticcio, come nel caso della sessualità. Spesso in queste coppie nascono difficoltà sessuali come la mancanza del desiderio o disfunzioni sessuali come l’eiaculazione precoce, la quale può nascondere aggressività verso la propria compagna. Essendo “troppo veloci” infatti, priviamo lei del piacere sessuale.    
Dietro a litigi continui, ci può essere una grande incapacità a comunicare, ma c’è un modo per litigare comunicando? Ovvero, si può discutere in maniera costruttiva? 
La lite fa bene alla coppia solo se si è intimi, nel vero senso del termine, cioè se si è complici, se si riescono a capire le emozioni dell’altro e ad esprimere le proprie, se ci si sente vicini anche se si è lontani fisicamente, se anche quando si litiga, si ha la consapevolezza di essere invincibili e la sensazione di essere in due “contro il resto del mondo”. Insomma, ci si confronta apertamente e si viene fuori più forti, senza rancore ma con la certezza di essersi fatti comprendere e di avere compreso, di essersi conosciuti meglio, chiariti, incontrati.
Ricordarsi allora che:
· È importante sapere che spesso il problema è della coppia, non di uno solo dei due
· Esprimere sempre i propri sentimenti invece di colpevolizzare l’altro:   “Io mi sento triste quando tu fai questo..” e non: “tu mi fai sentire triste quando…”
· Non esagerare mai con le parole, certe frasi possono ferire moltissimo e una volta dette, non possono essere rimangiate, compromettendo tutta la relazione
· Valutare bene quello che si prova e restare in contatto con quelle sensazioni, per poterle poi comunicare meglio al partner
· Pensare che ci sono due punti di vista e non solo il nostro
· Non nominare i suoi genitori
· Non offendere i suoi amici
· Non offendere solo per il gusto di ferire, solo per rabbia. In questo caso è bene riflettere sulle nostre sensazioni e sulla causa di tanto rancore.  
· Essere capaci di riconoscere i propri errori e di chiedere scusa. 

Sessuologia

La dispareunia
Mercoledì, 22 Febbraio 2012

La dispareunia

La dispareunia, secondo il DSM IV riguarda il ricorrente o persistente dolo...

Amore e Psiche

Aiuto! Sono innamorata di una star!
Mercoledì, 22 Febbraio 2012

Aiuto! Sono innamorata di una star!

A partire dai 12 anni l’amore platonico lascia il posto a passioni esaltant...

Psicologia

Psicoterapia Gestalt Analitica
Martedì, 21 Febbraio 2012

Psicoterapia Gestalt Analitica

Si basa sulla ricerca attiva della consapevolezza e sull’assunzione di resp...

Chi sono

Dottoressa Gabriella Seghenzi


Dr.ssa Gabriella Seghenzi


 
 
 
PSICOLOGO CLINICO
PSICOTERAPEUTA
Esperta in Psicoterapia Gestalt Analitica
Iscritta all'Ordine Psicologi Lazio n°: 15037

Contatti

  • Via IV Novembre 18/g Sassari 
  • presso lo studio Fisiolive
  • Oppure a Roma - Viale Etiopia 14 
  • Mail: info@gabriellaseghenzi.it
  • Cel: +39 366 83 29 284

Seguici su